Corso residenziale

di didattica dell’Astronomia rivolto ad insegnanti e astrofili sul tema
I pianeti del sistema solare: dal mondo antico alle sonde spaziali

____

presso il Planetario Comunale di Ravenna
Viale Santi Baldini 4/A (all’interno dei Giardini Pubblici) – RAVENNA

15/17 ottobre 2010

Corso riconosciuto dal Ministero della Pubblica Istruzione
Organizzato dalla Commissione Didattica UAI – Ente Accreditato MPI
in collaborazione con
ARAR – Associazione Ravennate Astrofili Rheyta
e
Planetario Comunale di Ravenna

La direttrice del corso è la professoressa Maria Antonietta Guerrieri responsabile della Commissione Didattica dell’Unione Astrofili Italiani.

L’UAI è Ente accreditato presso il Ministero dell'Istruzione e pertanto il corso è riconosciuto come aggiornamento professionale del personale docente della scuola.

Il corso è aperto agli insegnanti di ogni ordine e grado e a tutti coloro che, a vario titolo, fanno didattica dell'astronomia.

Il costo del corso è di 45 € che comprendono l’iscrizione alla UAI per un anno con ricezione della rivista “Astronomia UAI” in formato digitale.

A richiesta e con un costo aggiuntivo di 15 € l’iscrizione alla UAI può contemplare la ricezione della rivista “Astronomia UAI” e dell’Almanacco UAI 2011 in formato cartaceo.

All’atto dell’iscrizione alla UAI è possibile l’acquisto a prezzo speciale di alcuni testi di astronomia editi dalle Edizioni Gremese in collaborazione con la UAI.

Ai partecipanti verranno consegnati:

Copia cartacea dell’Almanacco UAI del 2010
dispense fotocopiate relative alle conferenze e alle attività del corso

E' necessaria la prenotazione che può essere effettuata:
scrivendo una email alla Commissione Didattica UAI didattica@uai.it
scrivendo una email direttamente alla responsabile della Commissione Didattica UAI professoressa Maria Antonietta Guerrieri tittiguerrieri@yahoo.it
contattando via email l’Associazione Ravennate Astrofili Rheyta info@arar.it o telefonando (0544-62534) o mandando un fax (0544-67880) al Planetario Comunale di Ravenna


Relatori del corso:
Fabrizio Bonoli
Roberto Bedogni
Stefano Buscherini
Agostino Galegati
Maria Antonietta Guerrieri
Franco Gabici
Franco Mancuso
Paolo Morini
Oriano Spazzoli



CALENDARIO DEI LAVORI

Venerdì 15 ottobre – pomeriggio

14.00
15.00
15.15
16.00
17.00
18.30

registrazione dei partecipanti
Saluto di benvenuto (Maria Antonietta Guerrieri e Franco Gabici)
Presentazione del corso, organizzazione e test di ingresso (Maria Antonietta Guerrieri)
Conferenza “Dante e la cosmologia della Divina Commedia” (Franco Gabici)
Conferenza “............” (Fabrizio Bonoli)
Chiusura dei lavori

Tempo permettendo sarà organizzata, presso il Planetario, l’osservazione al telescopio del cielo dalle 21 alle 23 (Luna, Giove, Urano e altri oggetti del cielo autunnale)

Sabato 16 ottobre - mattina

09.00

Conferenza
Ultime dallo spazio: dati dal sistema solare” (Agostino Galegati)
Fin dai tempi più antichi l'uomo è rimasto affascinato e ha osservato, prima a occhio nudo, poi con l'utilizzo dei telescopi, i pianeti, definendoli astri erranti per distinguerli dalle stelle e ritenendoli spesso abitati da esseri viventi antropomorfi. Dai primi anni '60 a oggi, gli occhi che hanno scrutato la superficie dei vari pianeti e ne hanno studiato le reali caratteristiche sono quelli delle sonde automatiche che l'uomo ha progettato, realizzato e inviato per allargare i propri orizzonti. Le sonde Mariner, Pioneer, Voyager fino alle più recenti missioni marziane hanno migliorato le nostre conoscenze, e spesso rivoluzionato la geografia del nostro Sistema solare fino alla recente riforma voluta dalla comunità scientifica. 

10.00 Conferenza
Pianeti solari ed extrasolari”
Relatore Roberto Bedogni
11.00

Conferenza
“Il fenomeno della precessione: le costellazioni e i segni zodiacali”
relatore Stefano Buscherini

Delle 48 costellazioni che conservano i nomi indicati da Tolemeo dodici sono disposte attorno all’Eclittica, lungo una fascia larga 18 gradi detta Zodiaco. Queste costellazioni, dette zodiacali per la loro posizione, sono distinte dai dodici “segni” zodiacali, gli archi di 30 gradi di ampiezza che partono dall’equinozio di primavera.
Per effetto della precessione i segni non corrispondono più, come al tempo di Ipparco, alle costellazioni omonime: per esempio, si dice e si continuerà a dire che all’inizio della primavera il Sole entra nel segno dell’Ariete benché questo segno si veda oggi nella costellazione dei Pesci.


Sabato 16 ottobre - pomeriggio

15.00

Presentazione attività didattiche (Oriano Spazzoli)

15.45 Resoconto attività didattiche svolte presso la scuola elementare Mordani nel corso dell’Anno dell’Astronomia (Paolo Morini)
16.30
Lezione e laboratorio pratico sull’esperimento di Eratostene sulla misura del diametro della Terra
(Oriano Spazzoli)
18.30
Chiusura dei lavori

Domenica 17 ottobre - mattina

09.00

Laboratorio: “L’esperienza dell’osservazione della Luna al telescopio”
(Paolo Morini, Marco Garoni, Oriano Spazzoli)

10.30 Discussione finale e scambio di esperienze
11.30 Test di uscita e consegna dei diplomi e degli attestati di partecipazione
12.30
Foto di gruppo e saluti finali

Tempo permettendo sarà organizzata l’osservazione del Sole al telescopio contestualmente al laboratorio.

i